Primi passi

Primi passi – piccoli accorgimenti per i vostri primi clicks

Primi passi fotoPer ottenere un buon risultato con qualunque strumento, e la fotografia non fa eccezione, bisognerà quantomeno conoscerlo e capire come funziona. Quindi il primo vero suggerimento utile (che purtroppo solo in pochi seguiranno) sarà quello di leggere il manuale d’uso e manutenzione della propria fotocamera.

Iniziare a fotografare non è difficile e tutto sommato i primi passi si potranno riassumere in pochissime righe. Quindi, dopo aver capito come funziona la nostra macchina e scattato i primi click di prova, potremo sperimentare proseguendo verso la scoperta di questo affascinante mondo che giorno dopo giorno ci regalerà delle bellissime soddisfazioni. Comunque, per muoversi nella giusta direzione sarà opportuno tenere a mente alcuni semplicissimi accorgimenti di carattere pratico/generale che qui riassumo:

Utilizzare un tempo di esposizione rapido consentirà di realizzare foto meno “mosse”, e quindi ottenere immagini di soggetti anche in movimento decisamente più nitide.

Un diaframma molto chiuso consentirà una maggiore profondità di campo e una migliore messa fuoco, il soggetto risulterà più nitido e sarà possibile ottenere immagini nitide di soggetti posti a distanza diversa tra loro e dal punto di ripresa.

I teleobiettivi avvicinano le immagini ma a scapito delle profondità di campo e della luminosità. Per fotografare soggetti lontani occorre molta luce per non essere costretti ad usare tempi di esposizione lunghi, col risultato, però, che in assenza di un cavalletto la foto potrebbe risultare mossa

Gli obiettivi grandangolari permettono una panoramica più ampia, anch’essi perdono qualcosina in luminosità, ma purtroppo tendono a deformare l’immagine ai bordi

Fotografare con la luce alle spalle permetterà una più facile regolazione dell’esposizione ma attenuerà le ombre e farà perdere “profondità” alla foto. Inoltre i soggetti fotografati col sole in faccia quasi sempre non avranno una bella espressione

La luce di traverso o alle spalle del soggetto conferirà una maggiore profondità alla foto, ma le stesse ombre che consentono questo effetto spesso possono nascondere particolari che si vorrebbero invece mantenere.

Anche fotografando col flash sarà possibile modificare l’effetto finale. Infatti spostando il flash lontano dal corpo macchina si otterrà una maggiore profondità dovuta alla presenza delle ombre, spostandolo più avanti si riuscirà invece a fotografare soggetti lontani eliminando quell’effetto del “bianco sparato” sui particolari più vicini

Fatti propri questi piccoli accorgimenti, non rimane che sperimentare e scattare, scattare, scattare…

  • Disclaimer
    Tutti i testi e le immagini contenuti in questo blog sono proprietà intellettuale di Angelo Trapani, ad esclusione di quelli di cui è citata la fonte o che fanno parte del pubblico dominio.
    E' assolutamente vietata la riproduzione anche parziale di testi e fotografie e altri contenuti multimediali, fatti salvi i casi di esplicita autorizzazione dell'autore, che prevederà comunque la citazione obbligatoria della fonte.

    © Angelo Trapani 2010


  • Like This!

  • www.angelotrapani.altervista.org/galleria
  • http://photoshooters.altervista.org
  • Edizioni Qanat
  • PalermoPhotoWorld
  • http://blog.danieletrapani.it/
  • www.nicobastone.com
  • www.potpourrimensile.com
  • www.micromosso.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: