Le batterie

Quali batterie per le nostre fotocamere?

Alcuni cenni sui tipi, caratteristiche e durata delle batterie ricaricabili più comunemente reperibili in commercio.
Regole e norme per un corretto utilizzo.

BatteriePurtroppo non tutte le fotocamere digitali possono venire alimentate con le batterie ricaricabili di formato AA (le classiche stilo). Recentemente la tendenza dei produttori di apparecchi fotografici è orientata verso l’adozione di formati fuori standard, spesso proprietari, cioè fabbricati appositamente per quella marca quando addirittura per quel modello specifico di fotocamera. Questa politica commerciale purtroppo va a svantaggio dell’utente finale che prima o poi si troverà a dover sostituire un pacco batterie “andato” e per far questo si troverà a dover spendereo cifre non indifferenti per acquistare proprio quel modello particolare per la sua fotocamera piuttosto che delle semplici ed economiche stilo. Comunque, per chi si trovasse nella situazione sopra descritta, esiste un buon mercato di batterie cosiddette compatibili che non avranno il fregio della marca di grido ma comunque assolveranno egregiamente alla funzione a costi decisamente inferiori rispetto alle “originali”. Esiste anche un’altra soluzione “di comodo” che consiste nell’acquistare il cosiddetto “Battery Grip”, accessorio che attaccato alla base della nostra reflex digitale permetterà tanto l’uso delle batterie proprietarie quanto, con l’adattatore in dotazione, delle comunissime ed economicissime stilo.

Ma vediamo qui appresso alcuni tra i tipi di batterie ricaricabili esistenti in commercio e le loro caratteristiche specifiche, facendo riferimento al formato “stilo AA”

Batterie a ioni di Litio (Li-Ion)

Sono le batterie che hanno maggiore durata (ne abbiamo un esempio con i cellulari). Uno dei vantaggi principali è che non sono colpite dall’ “effetto memoria” a causa del quale le comuni batterie possono perdere capacità se ricaricate prima di essere completamente scariche. Naturalmente il costo è più elevato delle altre.

Batterie Nichel Cadmio (NiCad)

Sono le più economiche e quindi molto utilizzate nelle video e fotocamere di fascia consumer. Hanno buone performance ma sono colpite dall’effetto memoria, per cui l’impiego migliore è quello di ricaricare la batteria solo al completo termine della carica.

Batterie Nichel-Idruro di metallo (NiMH)

Hanno di fatto sostituito le NiCad grazie alle loro più elevate capacità e minore ingombro/peso. Anche queste non si sottraggono all’effetto memoria , ma ne sono colpite in misura minore. E’ sempre buona norma, quindi, provvedere alla scarica completa prima di ricaricarle.

EFFETTO MEMORIA:

come sopra accennato il cosiddetto “effetto memoria” di una batteria consiste nella perdita progressiva della capacità di immagazzinare correttamente e completamente energia durante la fase di ricarica a causa di una particolare condizione che determina l’aumento delle dimensioni dei cristalli di nichel e/o cadmio di cui è composta la batteria stessa. La causa di cio è strettamente legata all’errata operazione di ricarica effettuata quando la batteria non è stata completamente scaricata. Per fare un esempio se tentassimo di ricaricare una batteria quando il suo stato di carica residuo si aggira attorno al 40% essa, in fase di ricarica assorbirà energia soltanto per il restante 60% ma, in realtà, quel 40% residuo presente prima della fase di ricarica non sarà piu utilizzabile a causa dell’aumento delle dimensioni dei cristalli come prima accennato, quindi, da una batteria ad es di 1000 mA avremo disponibile per tutti gli utilizzi successivi (effetto memoria) soltanto 600 mA cioè il 60% della sua capacità totale.


INVERSIONE DI POLARITA’:

Un altro difetto delle batterie ricaricabili consiste nell’inversione della polarità e cioè il lato positivo dell’accumulatore diventerà negativo e viceversa. Questa situazione rende la batteria inutilizzabile perchè è indice di completo deterioramento degli elementi interni. Questo difetto è generato da un processo chimico che si innesca quando una batteria viene mantenuta scarica per lunghi periodi

Alcune regole per allungare la vita delle nostre batterie:

1) non stoccare, immagazzinare o conservare le batterie in ambienti troppo umidi (cantine, seminterrati, ecc)

2) prima di ricaricare una batteria assicurarsi che essa sia stata completamente scaricata (esistono in commercio degli ottimi scarica batteria o dei carica batteria “intelligenti” che prima di ricaricare effettuano una scarica completa della batteria stessa.

3) non tenere a tempo indefinito le batterie all’interno degli apparecchi da alimentare (es macchina fotografica, lettore mp3, ecc) Qualsiasi apparecchio, anche se spento, assorbe una minima corrente dovuta alle microdispersioni o a parti del’apparecchio che rimangono comunque alimentate anche con l’interruttore in posizione di OFF (vedi orologio e/o calendario) che richiederanno corrente alla batteria a tempo indefinito e col tempo la scaricheranno fino a deteriorarla o nel peggiore dei casi fino alla fuoriuscita di liquidi corrosivi che finiranno per danneggiare anche l’apparecchio.

4) Nel caso di lunghi periodi di inutilizzo provvedete ad una ricarica della batteria e periodicamente, circa ogni mese, effettuate una scarica e una ricarica completa

RicicloN.B.: le batterie ormai fuori uso non vanno mai gettate nella spazzatura o disperse nell’ambiente ma consegnate al rivenditore che provvederà a smaltirle secondo le disposizioni di legge che regolamentano la materia. Ricordiamoci che anche le batterie delle nostre fotocamere contengono soluzioni acide e pericolosissimi metalli pesanti quali cromo, cadmio, litio, mercurio e il piombo; veleni pericolosissimi per la nostra salute e per l’ambiente. Elementi che non vanno assolutamente abbandonati in giro ma recuperati e, quando possibile, riciclati da appositi centri specializzati

Annunci
  • Disclaimer
    Tutti i testi e le immagini contenuti in questo blog sono proprietà intellettuale di Angelo Trapani, ad esclusione di quelli di cui è citata la fonte o che fanno parte del pubblico dominio.
    E' assolutamente vietata la riproduzione anche parziale di testi e fotografie e altri contenuti multimediali, fatti salvi i casi di esplicita autorizzazione dell'autore, che prevederà comunque la citazione obbligatoria della fonte.

    © Angelo Trapani 2010


  • Like This!

  • www.angelotrapani.altervista.org/galleria
  • http://photoshooters.altervista.org
  • Edizioni Qanat
  • PalermoPhotoWorld
  • http://blog.danieletrapani.it/
  • www.nicobastone.com
  • www.potpourrimensile.com
  • www.micromosso.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: