Mondello e il suo mare blindato

Mondello e il mare blindato

Come sempre a Mondello vince il malcostume… quello di chi credendosi il più forte impone agli altri le condizioni per poter usufruire di un bene, il mare, che in realtà è di tutti.
Siamo alle solite, Mondello è solo per chi paga… la spiaggia e il mare, in pratica appartengono a chi gestisce l’arenile, grazie ad una concessione ormai centenaria; una società concessionaria che in barba a leggi e regolamenti impone di fatto il pagamento di un pedaggio per usufruire della spiaggia per potere fare il bagno.

Ma non finisce qui, l’assurdo è che come ogni anno interminabili, quanto scandalose, file di cabine vengono posizionate anche fino a meno di tre metri dalla linea di bagnasciuga, il che lascia libera solo una sottile striscia di arenile quale unico spazio dove la gente che in teoria dovrebbe usufruire della libera balneazione potrebbe posizionare spiaggina ed ombrellone. Ma, di fatto, ciò non è consentito! stavolta non dalla società che gestisce gli stabilimenti ma da un’ordinanza della Capitaneria di Porto che prescrive chiaramente che quegli unici 3 metri di battigia devono venire lasciati liberi e sgombri da qualsiasi cosa per consentire eventuali manovre di emergenza da parte degli uomini e dei mezzi addetti al salvataggio ed al soccorso in mare.

Morale della favola, a Mondello, puoi solo stare in acqua e non solo… per arrivarci, nell’acqua, dovresti pure saper volare o, in alternativa, provare a forzare il blocco e scavalcare la cancellata della vergogna che di fatto mette il mare in gabbia impedendo l’accesso a chi non ha pagato un ticket o non risulta tra gli affittuari di una delle tanto contestate cabine.
E’ una situazione tanto scandalosa quanto paradossale che va avanti da sempre, anche se in realtà ci sono due passaggi per la libera balneazione… due corridoi di appena un metro e mezzo… solo due… in circa 1700 metri di spiaggia recintata!

Proprio in questi giorni, Goletta Verde e Legambiente Sicilia hanno denunciato per l’ennesima volta questo stato di cose, sottolineando che, come se non bastasse, la già grave situazione è peggiorata anche dal fatto che non esistono in questo tratto di mare, in pratica privatizzato, neppure quegli ausilii prescritti dalla legge che permetterebbero ai disabili il libero accesso alla spiaggia e al mare. Ausilii, quali, pedane e passerelle che i titolari di concessione sono obbligati a predisporre. Invece… l’unica cosa che queste persone hanno sempre dimostrato di saper predisporre sono gli aggiornamenti del listino prezzi per il noleggio degli ombrelloni, sempre presente, sempre aggiornatissimo e sempre in bella vista all’ingresso.

Amo Mondello ma solo d’inverno!

Leggi qui la denuncia di Goletta Verde e Legambiente

Foto www.albaria.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Disclaimer
    Tutti i testi e le immagini contenuti in questo blog sono proprietà intellettuale di Angelo Trapani, ad esclusione di quelli di cui è citata la fonte o che fanno parte del pubblico dominio.
    E' assolutamente vietata la riproduzione anche parziale di testi e fotografie e altri contenuti multimediali, fatti salvi i casi di esplicita autorizzazione dell'autore, che prevederà comunque la citazione obbligatoria della fonte.

    © Angelo Trapani 2010


  • Like This!

  • www.angelotrapani.altervista.org/galleria
  • http://photoshooters.altervista.org
  • Edizioni Qanat
  • PalermoPhotoWorld
  • http://blog.danieletrapani.it/
  • www.nicobastone.com
  • www.potpourrimensile.com
  • www.micromosso.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: